Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

Diritto ed Impresa

L’obiettivo formativo del Dottorato è quello di offrire un percorso di studio avanzato che coniughi profili teorici e pratici delle problematiche giuridiche e regolatorie che interessano il mercato e l’impresa, secondo una prospettiva nazionale, comunitaria, internazionale e comparata ed imperniato sia sull’analisi dei modelli teorici di riferimento che sulla risoluzione di casi pratici.

Il dottorato riveste carattere interdisciplinare ed interessa le seguenti aree scientifico-disciplinari: IUS/01 (diritto privato), IUS/02 (diritto privato comparato), IUS/04 (diritto commerciale), IUS/05 (diritto dell’economia), IUS/07 (diritto del lavoro), IUS/08 (diritto costituzionale), IUS/09 (istituzioni di diritto pubblico), IUS/10 (diritto amministrativo), IUS/12 (diritto tributario), IUS/13 (diritto internazionale), IUS/14 (diritto dell’Unione europea), IUS/15 (diritto processuale civile), IUS/16 (diritto processuale penale), IUS/17 (diritto penale), IUS/20 (filosofia del diritto), IUS/21 (diritto pubblico comparato).

Il Dottorato, anche nell’ottica di soddisfare la domanda di figure professionali altamente qualificate, si propone il raggiungimento, da parte dei dottorandi, di un apprezzabile livello di autonomia scientifica e di ricerca, corredata da adeguate capacità critiche e di analisi. I dottorandi, dunque, dovranno essere in grado di indagare ed approfondire in maniera interdisciplinare i temi di ricerca, teorici ed empirici, oggetto del Dottorato.

Il Dottorato si articolerà in fasi successive.

Una prima fase, della durata di un semestre, sarà caratterizzata da un percorso culturale su temi di grande respiro (fondamenta costituzionali dell’impresa, contratto ed esercizio collettivo dell’impresa, regolazione pubblica dell’impresa, giustizia e funzionamento dell’economia) finalizzati a dotare i dottorandi di solide basi per poter affrontare il successivo lavoro di approfondimento. I partecipanti saranno dunque impegnati – tanto attraverso l’attività di studio quanto di partecipazione ad iniziative formative di carattere didattico e seminariale – ad implementare la preparazione di base di carattere generale, trasversale a tutti i curricula di specializzazione.

Nel secondo e terzo semestre i dottorandi proseguiranno la formazione della propria base culturale, sia mediante gli strumenti dell’analisi economica del diritto, sia mediante la frequenza di corsi su tematiche riferibili ai tre seguenti curricula del dottorato:

  • Gestione delle controversie nel sistema interno, internazionale e comunitario;
  • Mercati e regolazione;
  • Affari, Finanza e Tributi.

Nel secondo semestre saranno altresì definiti i titoli delle tesi di dottorato e le sedi (Università o  altre Istituzioni) estere in cui verrà svolta l’attività di ricerca nel quarto semestre, che riveste carattere obbligatorio per i dottorandi che usufruiscono della borsa di studio.

Al termine del terzo semestre, ciascun dottorando proseguirà l’attività formativa e di ricerca del rispettivo curriculum di appartenenza con i docenti di riferimento e nell’ambito del quale saranno definiti ulteriori percorsi formativi.

Dal quarto trimestre, l’attività dei dottorandi sarà rivolta alla programmazione e stesura della tesi di dottorato, secondo step predefiniti, prevedendo un periodo di 6/9 mesi di studio presso una Università o Istituzione scientifica estera nei quali sarà altresì possibile provvedere al completamento dei CFU richiesti. Tale periodo potrà essere anticipato al terzo trimestre ove le esigenze lo richiedano.