Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

Osservatorio di Proprietà intellettuale Concorrenza e Comunicazioni (OPICC)

L'Osservatorio di Proprietà intellettuale Concorrenza e Comunicazioni, istituito nell'ambito di LUISS DREAM, si propone di seguire e commentare - dandone adeguata informazione e segnalazione agli associati (e, in occasioni di speciale rilevanza, ad un pubblico più ampio) le principali vicende normative, i più significativi interventi giudiziari, nonchè le espressioni salienti dell'autodisciplina di categoria, nelle materie dei brevetti per invenzione e modello, dei marchi d'impresa, della pubblicità commerciale, delle biotecnologie e delle novità vegetali, della tutela del software e delle topografie dei semiconduttori, del diritto d'autore relativo alle creazioni intellettuali destinate al mercato dei beni e servizi, nonchè della disciplina della concorrenza, con particolare (e pur non esclusivo) riferimento all'attività dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

L'Osservatorio intende altresì monitorare - sugli stessi versanti - il settore delle telecomunicazioni - specie per quanto attiene ai profili della concorrenza e del rapporto con gli utenti - quello dell'informazione e dei media (anche con riferimento ai compiti e all'attività dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni), quello dell'elettricità (in particolare per quanto attiene ai problemi della liberalizzazione dei servizi, della regolamentazione e dei compiti dell'authority di settore), oltre ai problemi legati alla liberalizzazione dei settori del gas e dei servizi pubblici locali.

Il campo di osservazione avrà come primo referente l'ordinamento italiano, in costante connessione con lo scenario internazionale e comunitario in particolare.

Accanto a questi compiti, l'Osservatorio si propone di svolgerne altri, integrativi e pur di specifico ed autonomo interesse per gli associati, vale a dire:

  • Un'attività di formazione professionale degli esperti giuridici di proprietà intellettuale, concorrenza e regolamentazione dei servizi di pubblica utilità
  • Un'attività di consulenza e di supporto conoscitivo rispetto alla presentazione ovvero alla critica di progetti di legge o di regolamento in corso di presentazione o di discussione nelle competenti sedi normative - nazionali, comunitarie, internazionali (anche per gli aspetti, di sempre maggiore rilevanza, afferenti alle garanzie e certificazioni di qualità)
  • Un'attività di consulenza e supporto conoscitivo rispetto alla elaborazione nei diversi settori delle materie sopra indicate (l'Osservatorio pubblica da settembre 1997 un notiziario trimestrale dal titolo IPR-Newsletter e da ottobre 1999 una raccolta di Working Papers in materia di P.I., Concorrenza e servizi di pubblica utilità).

Sono organi dell'Osservatorio, diretto dal Prof. Gustavo Ghidini, un Comitato Direttivo ed un Comitato Scientifico composto da giuristi universitari e d'impresa, nonchè da esperti tecnici ed economici dei settori di osservazione, ricerca e formazione che l'Osservatorio intende coprire.

Durante i suoi sei anni di attività l'Osservatorio ha svolto iniziative significative, dettagliate nell'allegata scheda, sia sul piano convegnistico che su quello dell'approfondimento tematico.

Dal dicembre 1995 è iniziato, con il Max Planck - Institut di Monaco di Baviera, un rapporto di reciproco scambio: che per la tradizione, l'esperienza ed il prestigio del Max Planck - Institut non può che tradursi in un accelerato arricchimento della nostra attività e delle nostre basi conoscitive, oltre che in un'occasione di proficui incontri di ricercatori. Lo stesso si profila con altre università straniere quali il Law Center della Georgetown University di Washington D.C, la Columbia University e l'Information Society Project della Law School di Yale.